COME FARE IL PRESEPE è la pagina dei miei scritti, delle mie impressioni ed emozioni che tramuto in scrittura. se non vi annoiate leggete pure e....magari commentate al sorrentino.apresepe@alice.it

 

 

 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

a volte credo che tanti si avvicinano a quest'arte per interessi personali. ma è cosi difficile guardare al presepe solo con gli occhi della fede? del cuore?

il presepe si ama anche nei comportamenti.

il presepe ci trasmette l'umiltà, la sincerità, l'amicizia, l'amore di Dio.

ma è tanto difficile attingere e mettere in pratica queste cose?

persone che si avvicinano al presepe per scopi di danaro, scopi di immagine personale

per sopi di politica.......la politica rende tutto grigio, invece il presepe è un'esplosione di colori.

scusatemi ma...il mio presepe è quello che ti inumidisce gli occhi quando lo guardi.

quello che....sò tutti belli, senza classifiche.

quello che ci vedi dentro persone oramai lontane e che vivono nel suo ricordo.

quello dell'amicizia condivisa e non dei tradimenti.

quello che Dio, nudo, ci abbaglia gli occhi.

ò presepio è ò presepio!

 

                                                                       

                                                                                                                                     Antonio Sorrentino 2004

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

              

 

fate il presepe                                              sorrentino.apresepe@alice.it

    

     A.Sorrentino 2000                                                                                                                                               

                cari amici                                                                               clicca sulle parole in rosso

ci apprestiamo a festeggiare il Natale di nostro Signore

tra luci, addobbi e cenoni.

Giusto fare tutto cio'!

Giusto festeggiare la venuta al mondo di Cristo.

Ma, in questo mondo consumistico, diamo la giusta collocazione

al presepe?

C'è, addirittura, chi lo dà per passato.

Sostituito, addirittura, da modellini di paesaggi nordici.

Il presepe è ancora, invece, il centro del Natale!

In quella mangiatoia, come dice il nostro Beato Vincenzo Romano,

tra le punture e la puzza della paglia, c'è il Signore.

Nato tra la cosa piu umile della terra.

E noi, umili, avviciniamoci al presepe.

Portiamolo nelle nostre case, nelle parrocchie, nelle scuole,

sui posti di lavoro, portiamolo nel cuore, sempre.

Davanti al presepe si è tutti piu sereni.

Guardando il presepe immagginiamo di percorrere quelle stradine,

sentiamo il belare delle pecore, il cinquettio degli uccelli in festa,

il vocio dei pastori, il cantare degli angeli, sentiamola la puzza

    della paglia 

Rassicuriamoci con la presenza amica di Giuseppe.

Apprezziamo le calde carezze di Maria.

Facciamoci abbagliare dalla luce di Nostro Signore.

ED è NATALE!                                       

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

                                                                                                                           

In questa pagina, magari, vi aspettavate di trovare nozioni o tecniche. Niente di tutto questo. Ma non perchè non ne sono capace. Ma bensi perche sono contrario ad ogni forma di canoni sul presepe. O' PRESEBBIO è O PRESEBBIO! Il presepe è il presepe! NON HA CANONI. Ma secondo qualcuno, che io chiamo NEMICO DEL PRESEPE, bisogna per forza fare prospettive, punti di fuga, la luce cosi, la luce colà, il colore cosi, il colore colà. O' PRESEBBIO è O PRESEBBIO. Ben venga chi attua queste cose. Ma chi non è un MICHELANGELO o un RAFFAELLO allora non deve fare il presepe? Il presepe inanzi tutto si fà col cuore. Mettendo in pratica quello che nostro Signore ci ha dato come dono. Senza mai vantarci, perchè l'unica cosa che noi possiamo vantarci sono le nostre carenze. Il presepe è sentire ancora i nostri cari vicino, ricordarli quando si condivideva questa passione insieme, sentire la loro mano sulla tua mentre si taglia il sughero o quando si dà un colpo di colore. Rallegrarsi quando si vede la propia opera terminata dopo che magari per un'anno intero era solo un pensiero, un bozzetto. Tremare di gioia quando si vede un bambino, magari tuo figlio, che fà le prime infantili costruzioni. è presepio pure quello! O vogliamo dire che un presepio di un bambino, di 5, 6, 7 anni che magari sono solo quattro pezzi di cartone e che lui in quella cosa vede un suo paesino incantato con il pescatore, il cacciatore, l'oste, il venditore...non è presepe? Esperienza personale di qualche anno fà e che io reputo il più bel presepe che ho visto in vita mia: un bambino di 7 anni che aveva solo appoggiato su un tavolo casette e pastori, ma per come lui me lo descrisse mi sembrò di viverci dentro anche io. QUESTO è PRESEPE, non, magari, partecipare a mostre o fare il presepe di casa e permettere che un cosi detto "numero uno" MANOMETTA il propio presepe con le sue tecniche di colore o altro. Chi permette questo si deve solo vergognare oppure darsi al modellismo, fare plastici. O' PRESEBBIO è O PRESEBBIO. La parola presepe deriva dall'ebraico presepae, cioè culla o greppia. Quindi culla di Nostro Signore. Ed è quello il presepe, quella Famiglia Santa che noi, unica regola che tengo ad attuare, metteremo sempre in evidenza e mai nascosta nel nosro presepe. Tutto quello che facciamo intorno è un di piu, prospettive o colori compresi. Il presepe è commuoversi nel vedere, nella vigilia della Notte Santa, riempirsi propio quella greppia che tu con tanto amore hai preparato per accogliere NOSTRO SIGNORE nella tua casa con i tuoi familiari vicino, il pensiero di chi ha già raggiunto la Betlemme Celeste, il profumo dell'incenso e il "tu scendi dalle stelle" che invadono la casa. O' PRESEBBIO è O PRESEBBIO!                                                   

 

                                                                                                                                                  sorrentino.apresepe@alice.it

 

 

  

 A. Sorrentino 2001

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!